Philippe Starck ha progettato quattro collezioni bagno per Axor.

Scarica Flash Player qui (linked)

Philippe Starck – l'estroverso

Uno dei più noti creativi dei nostri tempi, guru del design e al contempo serio progettista. Il designer francese ha ideato oggetti che vanno dalla poltrona da caffetteria allo spazzolino da denti, dallo sgabello alla casa prefabbricata. Ma uno dei suoi maggiori successi è la collezione Axor Starck, con la quale Hansgrohe ha suscitato scalpore nel 1994 presentando il primo miscelatore con maniglia "Joystick", una leva di comando simile a una banderuola.

Axor Starck ha stupito il pubblico con immagini che reinterpretano il bagno: come "Salon d'eau" - la stanza dell'acqua - senza le tradizionali piastrelle. Con molta luce naturale, materiali caldi, una composizione degli spazi sospesa tra "il ritorno alle origini" e la modernità senza compromessi.
Philippe Starck ha realizzato in totale quattro collezioni per Axor, il marchio di design di Hansgrohe SE.

Axor Starck Classic e Axor Starck - l'estetica del minimalismo

Axor Starck si concentra sull'essenziale con forme elementari. Funzionamento chiaro ed effetto semplice. Nessun elemento di distrazione. Una collezione bagno che resiste a tutte le mode transitorie e rievoca le immagini di un originario rapporto con l'elemento acqua: ad es. la bocca di erogazione inclinata come una pompa a manico e la vasca che ricorda un mastello. Axor Starck trova espressione in due varianti di maniglia: la moderna maniglia a perno e la leva elastica nella versione Classic. 

Axor Starck X – Massimo minimalismo

Axor Starck X è sinonimo di linguaggio di forme minimaliste e di esperienza ai massimi livelli. La scultorea collezione Axor Starck X gioca con le simmetrie e le geometrie pulite: corpo arrotondato e piastra quadrata che concede all'acqua molto spazio per fluire. Una maniglia joystick diritta. Linearità con una tocco di eccezionalità.

Axor ShowerCollection by Philippe Starck – Personalità al quadrato

„Just mix it!“ questo è il motto della collezione docce Axor Starck. La sua modularità permette di trasformare la doccia in una spa su misura. Un semplice sistema modulare composto da docce, miscelatori ed accessori offre possibilità di allestimento praticamente illimitate. Axor ShowerCollection by Philippe Starck è la perfetta integrazione di docce nelle collezioni Axor Starck  e Axor Starck X. 

Philippe Starck – Biografia

Philippe Starck, nato a Parigi nel 1949, dove ha anche studiato a metà degli anni 60, è rappresentante di un "nuovo design" giocoso e non di rado provocante. Ciò ha portato all'elaborazione di idee classiche o anche moderne. I suoi progetti piuttosto che l'espressione di una ricerca ingegneristica del miglior funzionamento di una nuova idea o di un prodotto hanno un forte impatto visivo. Le sue architetture d'interni per rinomati hotel come il "Royalton" (New York) e il "Sanderson" (Londra) sono spettacolari, e rimandano al mondo del cinema. Scale d'ingresso esterne, tende che si agitano e divani trasgressivi suggeriscono che Starck vede gli utilizzatori degli hotel, dei ristoranti e dei bar per i quali ha curato l'arredamento come attori che si muovono sul palcoscenico della vita.

Il gioco di ammiccamento con citazioni barocche indica da un lato il radicamento di Starck nella cosiddetta era postmoderna e dall'altro il suo rapporto superiore con il mondo del design i cui rituali ed esigenze ha occasionalmente criticato come narcisistici. Il successo di Philippe Starck è iniziato con i progetti per gli uffici dell'ex Presidente francese Mitterrand e con la realizzazione degli interni e del mobilio del caffè parigino "Costes" (che ne frattempo è stato chiuso). Tra gli altri oggetti progettati citiamo il famoso spremiagrumi per il marchio Alessi oltre a lampade, motociclette, case, mobili e arredamenti completi per appartamenti di lusso. Si è sposato per la terza volta e ha quattro figli.

Philippe Starck - Ritratto

Philippe Starck fotografato da Jean-Baptiste Mondino

Hansgrohe utilizza i cookie al fine di garantirvi un servizio ottimale. Se desiderate proseguire nella navigazione di questa pagina senza modificare le vostre impostazioni, accettate l'utilizzo dei cookie.

   

OK